Segnalazione circa “iniziative” datoriali presso la Provincia di Brindisi

  Questo contenuto è nella categoria: Province
  Commenti: Nessuno/a

Questa Segreteria Territoriale è stata allertata dall’intero quadro dirigente e nostre RSU dell’Amministrazione Provinciale di Brindisi su iniziative in corso di messa in opera, circa una mobilità interna del personale per circa il 10% della dotazione organica nonché informazioni ufficiose circa una riorganizzazione della struttura dell’Ente con la soppressione di alcuni servizi (esempio: Corpo di Polizia Provinciale) per implementarne altri, il tutto cercando di sottrarsi al confronto sindacale.

Si evidenzia che la Provincia di Brindisi è in gestione Commissariale dall’ottobre 2012, ad Aprile scadono alcuni servizi in gestione alla Società in house dell’Ente (Santa Teresa) e le iniziative di che trattasi sono state rese note con una tempistica alquanto sospetta, dal giorno successivo all’approvazione del Disegno di Legge da parte del Senato della Repubblica.

La struttura aziendale in uno con questa Segreteria metteranno in campo ogni iniziativa sindacale utile a contrastare volontà datoriali che, in un recente passato, non hanno avuto rispetto non solo dei Contratti Nazionali e Decentrati ma addirittura di sentenze dell’Autorità Giudiziaria a nostro favore.

Richiamato quanto previsto nel Protocollo d’intesa del Novembre 2013 recepito con norme di garanzia nell’approvato definitivo Disegno di Legge del 3 aprile u.s., si ritiene quanto mai necessaria l’urgente attivazione della cabina di regia regionale nonché ogni iniziativa, anche di livello nazionale, utile a “stoppare” anomale, arbitrarie ed autonome iniziative di Enti in gestione Commissariale.

Non ultimo, considerata la campagna per le Europee ed Amministrative (Francavilla Fontana-Ostuni-Villa Castelli) già partita, tanto si sollecita tenuto conto di una realtà locale in cui anche l’apparato burocratico ha ripetutamente dimostrato di essere in linea, come la classe politica pre-Commissario, con un sistema di “conoscenze e riconoscenze” che ha generato e potrebbe riproporre scelte condizionate da interessi egoistici e clientelari a danno sia dei Servizi alla collettività che dei lavoratori e delle professionalità esistenti ad essi connesse.

 

Un abbraccio.

 

Brindisi, lì  5 aprile 2014

Il Segretario Generale Antonio Macchia