Emergenza Covid-19

  Questo contenuto è nella categoria: Comunicati stampa
  Commenti: Nessuno/a

Le scriventi OO.SS., facendo seguito al DPCM dell8 u.s., in merito a quanto in oggetto e alle nuove misure disposte, chiedono un incontro ad horas per essere messi a conoscenza di come sarà gestita la situazione nella nostra regione e successivamente monitorare quanto disposto dalle norme. Norme di cui chiediamo lottemperanza tramite circolari che vadano nel senso della salvaguardia e la garanzia della salute dei lavoratori.

        Chiediamo che le Direzioni in indirizzo si adoperino senza indugi alla applicazione nel tempo più rapido possibile delle indicazioni emanate dalle Direzioni centrali. Riteniamo che la salute e sicurezza dei dipendenti delle Agenzie e lassistenza ai loro familiari minori o in difficoltà oltre che la tutela della salute degli utenti, debbano essere il nostro obiettivo primario e che ogni altra questione debba essere affrontata e risolta subito dopo aver dato un minimo di tranquillità alle persone.

     Riteniamo opportuno sottolineare che qualora si verificassero ritardi nella piena utilizzazione delle diverse modalità di lavoro, cosi come venissero ritardato lapprontamento degli apparati di sicurezza previsti dalla normativa, garantiremmo ai diretti interessati una tutela così come prevista dalle norme oltre che allertare la Prefettura, qualora se rendesse necessario.

      Sollecitiamo, pertanto, affinché la tempistica sia la più repentina possibile, sull’applicazione delle indicazioni previste sia dalla Direttiva n. 1/2020 del 25 febbraio scorso, sia dal DPCM del 4 marzo fino al DPCM dell8 marzo che delle Direzioni Centrali, per evitare il rischio concreto che le disposizioni a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e dei loro familiari perdano di efficacia.

       Non concordiamo sullutilizzo delle ferie residue per la soluzione della problematica in questione. Mentre non riusciamo a comprendere come le Direzioni Generali dellAgenzia delle Entrate e dellAgenzia delle Dogane e dei Monopoli, non velocizzino la chiusura dei front office, salvo l’istituzione dei presidi per le urgenze, avviando al lavoro agile tutte le lavorazioni possibili.

           Al primo posto c’è la tutela della salute.

        Pertanto, le scriventi sono disponibili a condividere un incontro anche per via telematica o nelle modalità che le SS.LL. riterranno più opportuno.

Incontro che dovrà consentire interventi omogenei in tutti gli Uffici territoriali della regione, anche per evitare discriminazioni tra i lavoratori stessi.

             In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.

FPCGIL        CISL           UILPA     CONFSALUNSA   CONFINTESA FLP

     Tomaselli     De Giorgi     Filippone        De Palma.              Erriquez      Giuliano

                                                                                                                      Sposato