Tavoli monotematici contratto nazionale sanità. Fp Cgil Puglia sollecita la Regione Puglia

  Questo contenuto è nella categoria:
  Commenti: Commenti disabilitati su Tavoli monotematici contratto nazionale sanità. Fp Cgil Puglia sollecita la Regione Puglia

sanità

Nota congiunta di Fp Cgil, Csil e UilFpl Puglia al presidente della giunta regionale, Michele Emiliano, e al direttore del dipartimento promozione della salute, Giancarlo Ruscitti, per la riapertura dei tavoli monotematici legati al nuovo contratto nazionale della sanità. Dopo la richiesta inviata all’amministrazione regionale il 10 ottobre scorso, e rimasta fino ad oggi senza risposta, le Organizzazioni Sindacali sollecitano l’attivazione del confronto «entro i prossimi 10 giorni, atteso che tale fase contrattuale non è di ascolto né di mera audizione delle parti ma rientra nelle prerogative di stabilite dal Contratto e dalla Legge, con tempi e modi previsti dalla medesima normativa».

Le organizzazioni sindacali richiedono «approfondimenti specifici, che pongano l’accento sul tema della valorizzazione delle professionalità e delle competenze, anche alla luce riorganizzazione in atto del sistema sanitario e sociosanitario assistenziale». Fra le richieste di approfondimento, «l’utilizzo dei fondi premialità e fasce, delle risorse legate alla produttività, delle norme sul finanziamento delle fasce retributive, delle posizioni organizzative, della parte comune dell’ex indennità di qualificazione professionale e dell’indennità professionale specifica».

Un tavolo di lavoro dovrà poi essere dedicato alle linee di indirizzo in materia di prestazioni aggiuntive del personale e ai processi di mobilità e riassegnazione dei lavoratori. Non per ultimo, rimane urgente il confronto in sede regionale per valutare, «sotto il profilo delle diverse implicazioni normativo-contrattuali, le problematiche connesse al lavoro precario e ai processi di stabilizzazione, tenuto conto della garanzia di continuità nell’erogazione dei LEA, i livelli essenziali di assistenza, anche in relazione alla scadenza dei contratti a termine».

Il commenti a questo post sono chiusi