Salario accessorio ex provinciali, l’accordo con la Regione

  Questo contenuto è nella categoria:
  Commenti: Commenti disabilitati su Salario accessorio ex provinciali, l’accordo con la Regione

salario accessorio ex provinciali

Riprende la discussione sul salario accessorio, annualità 2016 e 2017, non ancora erogato al personale del nucleo di vigilanza ambientale e al personale in servizio nei settori turismo e biblioteche delle ex province, oggi dipendente della Regione Puglia. Su sollecitazione delle organizzazioni sindacali, ieri l’assessore al personale Antonio Nunziante ha convocato le parti sociali e la neoeletta delegazione trattante per il tavolo tecnico monotematico.

Buone notizie per il personale in servizio. Le economie, suddivise per fondi per provincia, potranno essere erogate in produttività, secondo le schede di valutazione del 2017. E’ questa la proposta operativa presentata dal dirigente della sezione personale e organizzazione Nicola Paladino, una soluzione che i sindacati hanno ritenuto percorribile, vista l’impossibilità di recuperare il dettaglio della turnazione e della reperibilità di ogni singolo lavoratore.

Si tratta del dovuto riconoscimento per i lavoratori dell’ex provincia che hanno sofferto il disagio del passaggio dall’ente provinciale alla Regione, passaggio che ha comportato, in alcuni casi, una svalorizzazione delle competenze e un mancato riconoscimento delle professionalità acquisite. Tale passaggio, è bene ricordarlo, non è stato ancora ultimato: bisogna infatti ancora aspettare l’entrata in vigore del nuovo contratto decentrato perché tutto vada a regime. Maggiormente penalizzati, i lavoratori dell’ex polizia provinciale, oggi vigilanza ambientale. L’inattività a cui sono stati costretti ha provocato una drastica riduzione delle proprie indennità e, appunto, del salario accessorio.

Nel corso dell’incontro, il dirigente Paladino ha assicurato che, da giugno, sarà regolarmente corrisposta l’indennità di vigilanza i cui arretrati potranno essere erogati da settembre. Sempre da giugno, saranno corrisposti gli arretrati previsti dal nuovo contratto collettivo nazionale. La Fp Cgil vigilerà per assicurare il rispetto degli impegni presi e garantire una più rapida liquidazione di quanto dovuto ai lavoratori, dichiarandosi soddisfatta a giusta ragione e intestandosi la riuscita di una operazione intentata ormai da mesi: restituire insieme con le risorse anche un po’ di dignità a lavoratori ex provinciali.

Il commenti a questo post sono chiusi